Equitalia e le ipoteche selvagge

 

ipoteca.jpg

Grazie al Movicit il movimento no-profit che si occupa dei cittadini che hanno problemi con Equitalia si è arrivati ad un’altra sentenza favorevole al contribuente, che mette in evidenza ancora una volta i metodi non proprio ortodossi della società di riscossione.

Molti imprenditori, piccoli e medi, nel corso delle problematiche dovute ai contenziosi con Equitalia, si sono poi ritrovati a non avere accesso al credito, a cause di numerose ipoteche su immobili. Lo strumento ipotecario è utilizzato dalla società di riscossione “a garanzia” della copertura del debito. Ebbene in base a sentenza recente della Commissione Tributaria Regionale della Puglia, Equitalia abusa di questo strumento, in quanto quand’anche il valore dell’immobile della prima ipoteca fosse già abbondantemente superiore al valore del debito, essa si cautela ulteriormente, emettendo una seconda ipoteca. Tutto ciò è stato ritenuto illegittimo e vessatorio nei confronti del contribuente, il quale in questo modo non è più nelle condizioni di far fronte ai propri obblighi. Oltre che vessatorio è anche inutile, poiché se l’imprenditore si ritrova i rubinetti chiusi dalle banche, come potrà mai saldare lo stesso debito con Equitalia? Comportamenti sconsiderati come questo non sono affatto risolutori per coloro che si aspettano un maggiore gettito fiscale, perché non si ricava nulla da chi non è più in grado di lavorare. Le ipoteche doppie o multiple, infatti paralizzano il contribuente anche nella sua attività lavorativa. L’evasione fiscale è uno dei principali problemi della crisi finanziaria italiana, ma non è certo bloccando chi lavora e ha intenzione di pagare che i conti dello stato tornano in pari.


Per informazioni info@movicit.it


Simona Urso

Equitalia e le ipoteche selvaggeultima modifica: 2012-07-03T17:07:13+00:00da twiggy-75
Reposta per primo quest’articolo