Assange’s italian chat

“There are two alternative paths for the future but it is not clear which one civilization will take. That is what makes this moment of time so important. On the one hand, transnational digital totalitarianism, with the state, private intelligence firms, arms and oil companies all blurring into each other, and everyone monitored and “transparency up” — the powerful knowing … Continua a leggere

Il fallimento del prototipo “essere umano”

  In questi giorni è in corso a Firenze la mostra “Senzatomica”, promossa dall’Istituto Buddista Soka Gakkai, il cui scopo è portare all’attenzione della società civile il tema delle armi nucleari (e del nucleare, in generale). I temi si snodano in questi punti:  Garantire il diritto alla vita di tutti i popoli.  Passare dalla sicurezza basata sulle armi alla sicurezza … Continua a leggere

Assange, Strada, la pace e il futuro.

Non so come spiegare la sensazione che il vento stia cambiando, ma è questo che profondamente credo stia accadendo. Non mi riferisco alle rivoluzioni del mondo arabo, che sono un evidente segno di grande trasformazione, ma all’atteggiamento che il mondo occidentale sta assumendo in merito agli ultimi accadimenti. Quando Julian Assange è apparso, come un alieno caduto sulla terra, mostrando … Continua a leggere

Cercasi suggerimenti per strade diplomatiche in Libia

In questi giorni infiamma la polemica fra pacifisti e interventisti sulla guerra in Libia. Ho letto la risoluzione Onu che sulla carta è piuttosto equilibrata, anche se le direttive non riguardano il coordinamento delle azioni e di fatto ognuno ha iniziato ad organizzarsi per i fatti suoi con la Francia già pronta sui cieli di Tripoli che, al grido di … Continua a leggere

Libia uber alles

Gli interrogativi sull’intervento in Libia a seguito della risoluzione Onu sono tutti legittimi. E’ giusto che i paesi stranieri intervengano? Quali sono gli interessi che si nascondono dietro a questo intervento? E’ giusto utilizzare la guerra come strumento di pacificazione? Ci sarà una presenza coloniale in Libia alla fine del conflitto? Quest’intervento realmente terrà conto della popolazione civile? E’ possibile … Continua a leggere

SOL LEVANTE

Mentre il Giappone sta pregando di non dover affrontare una catastrofe nucleare, in Italia anzichè promettere aiuti e mostrare solidarietà per gli eventi drammatici degli ultimi giorni, si sta correndo ai ripari per difendere la scelta del nucleare nel nostro Paese, con i vari Cicchitto a dire che “l’Italia sul nucleare va avanti”e con il clamoroso editoriale di Oscar Giannino, … Continua a leggere